Informazioni sul set

Trono di Eldraine offre una lineup di creature da favola

Le favole diventano realtà in Magic grazie al Trono di Eldraine, la prima grande espansione dopo Guerra della Scinitilla, escludendo Magic 2020, che verrà lanciata il 4 Ottobre 2019 e conterrà 269 carte. Per quanto riguarda la trama, ci prendiamo una pausa dalla storyline dei Guardiani per tornare ad occuparci di un vecchio amico, Garruk Lingua Selvaggia, il cacciatore maledetto preferito di Magic! Proprio così, uno dei planeswalker originari di Lorwyn è pronto per tornare a fare tutti neri, ma prima di parlare di lui e degli altri personaggi che popolano Eldraine diamo un’occhiata alle nuove meccaniche di gioco.

Avventure adamantine e ricchi banchetti

Dopo un anno passato sul piano multicolore di Ravnica, Il Trono di Eldraine torna alle radici monocromatiche di Magic con la meccanica Adamantino, che potenzia alcune magie quando una determinata quantità di mana monocolore viene usata per lanciarle. Prendiamo ad esempio Fuoco Sgominante: all’apparenza sembra un Fulmine a tre mana, il che risulta decisamente poco interessante, se si prende in considerazione anche l’esistenza di Colpo di Fulmine, ma se si usano almeno tre mana rossi per lanciarla, la magia infligge quattro danni anziché tre, bilanciando il proprio costo scadente potenzialmente anche in un meta come quello di Standard.

Spingere sul tema monocromatico non è tuttavia l’unica cosa che Trono di Eldraine si sforza di fare: ci presenta infatti anche una meccanica che racchiude in sé tutto lo spirito relativo a leggende medioevali, favole e folklore europeo. Un elemento molto comune è costituito da un eroe che va all’avventura, e le vostre creature faranno sicuramente altrettanto con la nuova meccanica Avventura. Alcune creature come l’Intrusa dai Riccioli d’Oro, infatti, possiedono un’interessante sottosezione nel proprio box di testo con un proprio costo e un proprio tipo di carta, ossia proprio una stregoneria (o istantaneo) Avventura. Come si usano queste carte? Prima di giocare la creatura si può lanciare la sua metà Avventura, lasciando che la creatura vada in esilio, appunto, “all’avventura”; dopodiché sarà possibile lanciare quella creatura dall’esilio come se l’avessimo in mano. Ovviamente è anche possibile lanciare normalmente la creatura dalla propria mano, ma in questo caso la sua metà Avventura rimarrà inutilizzata. Si tratta di una meccanica molto potente con un incredibile potenziale, dato che fondamentalmente costituisce la possibilità di sviluppare vantaggio carte in una singola carta.

Infine abbiamo Cibo, un nuovo sottotipo di artefatto solitamente assegnato a pedine Cibo che possono essere sacrificate usando due mana per guadagnare tre punti vita. Questo sottotipo compare anche in carte come Uovo D'Oro, ma è forse ancora più interessante quando menzionato dal nostro nuovo planeswalker, Oko, Ladro di Corone. Oko può creare un Cibo con il suo +2, che di per sé è un effetto che lascia abbastanza a desiderare, ma che il turno successivo permette di attivare la sua ultimate senza perdere il planeswalker!

Facce familiari e luoghi tribali

Abbiamo discusso di Oko, ma non stavamo parlando anche del ritorno di un altro planewalker? Come menzionato prima, Garruk fa il suo ritorno con Garruk, Cacciatore Maledetto, un potente planeswalker da sei mana capace di creare diversi 2/2 senza spendere lealtà! È anche in grado di distruggere una creatura e allo stesso tempo pescare una carta con il suo –3. Oltre a lui, anche i gemelli Kenrith (Rowan e Will) fanno la loro comparsa in Standard con I Discendenti Reali, un planeswalker abbastanza forte a tre mana con un +1 che può ciclare o dare evasione ad una creatura, contemporaneamente rafforzandola. La loro ultimate ci offre un’imitazione di Ancestral Recall +1 infliggendo contemporaneamente anche danno.

Trono di Eldraine ha moltissimo da offrire anche in quanto a riferimenti a favole e racconti popolari, quindi fate attenzione a rendere casa vostra a prova di sortilegio!


cardPreview